Notti insonni prima degli esami? Ecco come non finire nella trappola!

Notti insonni prima degli esami? Ecco come non finire nella trappola!

Gli esami scolastici sono da sempre, per migliaia di studenti, una grossa fonte di stress. Una prova che si ricorda tutta la vita, forse la prima grande sfida con cui i ragazzi devono fare i conti. Nei giorni a ridosso degli esami subentra, infatti, la sensazione di non farcela, con conseguente insonnia, nervosismo e gastrite. Ed è proprio per stemperare la tensione che gli specialisti consigliano il ricorso a rimedi naturali.

Per stimolare la concentrazione si può ricorrere al polline, ricco di vitamine, minerali e amminoacidi che migliora l’attività del cervello e la memoria. Basta un cucchiaio al giorno, da assumere il mattino a digiuno. Menta, zenzero e rosmarino, come oli essenziali, stimolano la memoria e favoriscono la concentrazione. Basta andare in farmacia per trovare i cerotti che, applicati sulla pelle, rilasciano queste sostanze. In alternativa è possibile porre alcune gocce in un diffusore di aromi. Se nessuna di queste sostanze convince si può sempre ricorrere al gelsomino, il cui aroma, secondo alcuni studi, ha un potere rilassante che equivale a quello del Valium.

Per combattere, invece, ansia e stress un ottimo rimedio naturale è la melissa, che può essere assunta sia sotto forma di compresse che tisane.

Ma arriviamo al vero problema che attanaglia migliaia di studenti, l’insonnia. Bene, per combatterla può essere indicato un bagno caldo con camomilla, lavanda e sandalo, il cui potere rilassante agisce sul sistema nervoso centrale e prepara il corpo a un sonno tranquillo. Sono sufficienti cinque gocce di ogni sostanza. Le alternative sono la scutellaria, da assumere come tisana, o il Phosphoricum acidum 15-30 Ch, un rimedio omeopatico che stempera la tensione e riduce lo stress alle tempie, favorendo il riposo.

Prima di procedere con l’assunzione di un rimedio, anche naturale, è necessario consultare il proprio medico.

Da non dimenticare che, se “Quando l’ultimo giorno di scuola, dell’ultimo anno di liceo suona la campanella dell’ultima ora, tu sei convinto che quello sia l’ultimo secondo della tua adolescenza…”, è proprio in quel momento che inizia il vero percorso!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code