Lo sport contro l’insonnia: una piacevolissima medicina

Lo sport contro l’insonnia: una piacevolissima medicina

Sarebbero 12 milioni gli italiani che hanno problemi di sonno, secondo il Division of Sleep and Circadian Disorders del Brigham and Women’s Hospital, il 31% degli americani dorme meno di 6 ore per notte, stessa percentuale in Polonia per le persone con problemi a dormire.

L’insonnia è ormai un problema sociale. In Europa, Italia e Danimarca sono i paesi in cui si dorme meglio, con circa il 16% di persone che si riposa bene ma come accennato il problema anche in questi paesi assume numeri da capogiro.

Secondo uno studio australiano è dal 1905 che a livello planetario si erodono minuti preziosi, ogni anno, al sonno.

Si stima che i problemi di sonno facciano perdere 8 giornate lavorative all’anno per ciascuna persona che ne soffre ma il dato inquietante riguarda soprattutto la salute: fatica, perdita di memoria, problemi cardiovascolari, distrazione, disturbi dell’umore; una vera e propria catastrofe collettiva.

 

Cosa fare contro l’insonnia?

Se osservare le prescrizioni di medicina del sonno, seguire terapie farmacologiche o psicologiche non funziona, un buon viatico è lo sport. Anche se è bene, prima di indossare tuta e scarpette, consultare il proprio medico.

 

Lo sport per battere l’insonnia

Fare sport libera la mente, placa le tensioni accumulate a livello somatico, innesca reazioni chimiche ed enzimatiche che liberano endorfine (gli “ormoni del buon umore”) e contribuisce a ossigenare membra e cervello.

Uno studio condotto dall’Università di Stanford su insonni cronici ha mostrato progressi significativi nella durata e nella qualità del sonno.

 

Gli sport migliori per favorire il sonno

Per ottenere risultati e dormire meglio sono preferibili le attività aerobiche, quelle che fanno venire il “fiatone”, da praticarsi almeno 3 volte a settimana per almeno mezz’ora a volta. Unica precauzione: non fare sport alla sera, prima di andare a letto, specialmente sport competitivi.

Sport significherà dormire meglio e andare a coricarsi più rilassati e di buon umore.

 

Detto ciò, se alla fine di una giornata in cui lo sport ha allietato l’esistenza, si va a dormire su un materasso scadente, sicuramente il sonno non sarà dei migliori. Se invece ad accogliere le stanche membra sarà un materasso per sportivi, al mattino ci si potrà sentire energici, di umore frizzante e con la muscolatura rilassata. Magniflex ha infatti messo a punto un materasso per sportivi che fa fare stretching alla schiena.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*