Dormire fa dimagrire: lo dice la scienza!

Dormire fa dimagrire: lo dice la scienza!

Cioè, state dicendo che per dimagrire basta dormire bene? Ebbene sì, 8 ore di sonno sono un ottimo modo per perdere peso. Dormire stimola il metabolismo e aumenta la produzione di letpina, l’ormone della sazietà che aiuta a dimagrire.

L’equilibrio metabolico è essenziale per contrastare i chili in eccesso. Non riuscire a riposare a sufficienza – un minimo di sei ore – porta l’organismo a un netto sbilanciamento a livello ormonale con conseguente aumento dell’appetito, diminuzione del dispendio calorico e rallentamento del metabolismo basale.

Secondo quanto emerso da una ricerca condotta da Arn Eliasson per conto dell’Integrative Cardiac Health Project del Walter Army Medical Center di Washinghton, le infermiere soggette a turni di notte vanno incontro a ripercussioni sul ritmo circolatorio. Il fatto di dormire in modo non abitudinario, infatti, le porta a incrementare l’indice di massa corporea. Al contrario, le colleghe con ritmi di lavoro più ordinari non riscontrano lo stesso problema.

 

La melatonina fa dimagrire!

La melatonina, nota anche come ormone del sonno, viene utilizzata anche per dimagrire. Questo è ciò che è emerso dallo studio di alcuni ricercatori dell’Università di Granada secondo i quali l’ormone stimola la produzione di “grasso beige”, il quale aumenta il consumo di calorie e lo smaltimento di grasso in eccesso.

La melatonina può essere somministrata anche sotto forma di integratore, con massimali da stabilire con il medico o il farmacista, anche se i medici ne consigliano l’assunzione sotto forma di cibi che la contengono, come pomodori, finocchi o ciliegie.

 

Cosa mangiare e quali cibi evitare

Andare a cena presto aiuta a dormire bene e dimagrire. Una giusta programmazione degli orari di pranzo e cena porta l’organismo ad avere una certa regolarità. Far passare otto ore fra un pasto e un altro favorisce, infatti, la secrezione di somatotropina. Attenersi a un rigoroso piano alimentare, anche se talvolta scomodo e spiacevole, porta a un dimagrimento durante il sonno, senza il bisogno di seguire una dieta rigida.

Ma, a quali cibi affidarsi per mangiare bene?

Si consiglia di assumere un primo piatto composto da carboidrati complessi, come pasta, riso o farro, da condire con olio extra vergine. Per il secondo sono consigliate proteine come quelle contenute nella carne bianca e, per finire, frutta di stagione.

I medici sconsigliano l’assunzione di cibi fritti, dolci o, in generale, di tutti gli alimenti che possono causare una lenta digestione. Ma attenzione, se abbuffarsi è sbagliato, lo è anche mangiare troppo poco o addirittura saltare il pasto. La cena, infatti, non deve essere inferiore alla percentuale di calorie consigliate per non incorrere in un eccessivo abbassamento degli zuccheri nel sangue. Anche di notte il nostro corpo ha bisogno d’energia e se questa non è disponibile ci avverte svegliandoci o rendendo il nostro sonno irregolare.

Tuttavia, per incentivare il dimagrimento notturno è necessario impegnarsi durante il giorno, facendo sport o cercando di alimentarsi nel modo più sano possibile. Ciò non significa passare per forza 3 ore al giorno in palestra o limitarsi a mangiare insalata. È sufficiente svolgere una corretta attività motoria e mangiare in modo equilibrato. In tal senso può essere utile assumere proteine, in quanto contengono poche calorie rispetto ai grassi e, a differenza dei carboidrati, vengono trasformate direttamente in energia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code