Dall’arte del sonno al sonno nell’arte

Dall’arte del sonno al sonno nell’arte

Per qualcuno, come il mitico Ciccio di Nonna Papera, dormire assume quasi una valenza artistica. Gli artisti stessi hanno però trasformato più volte la tematica del sonno in opere.

Prendiamo ad esempio l’Arianna Dormiente, conservata nella sala 35 della Galleria degli Uffizi di Firenze. La statua, risalente al III secolo a.C, è la copia romana di una scultura greca che raffigura Arianna, colei che dette a Teseo il filo per riuscire a evadere dal labirinto del Minotauro. Arianna dorme mentre il suo amante scappa via a bordo di una nave.

Come non menzionare l’Endimione Dormiente di Antonio Canova, conservato nella collezione Devonshire presso la Chatsworth House?

Altra scultura di grande valore è la Notte di Michelangelo Buonarroti, databile intorno al 1526-1531, che fa parte della decorazione della Sagrestia Nuova in San Lorenzo a Firenze. In questa meravigliosa opera la notte è rappresentata come una donna nuda semidistesa. La posa sdraiata, con la gamba sinistra piegata e la testa reclinata, provoca una torsione che ruota il busto verso lo spettatore. Una statua dal pathos indubbio.

La cattedrale di Lucca ospita Ilaria del Carretto (1406-1408) di Jacopo della Quercia, delicatissimo omaggio d’amore del signore della città alla giovane moglie, morta a soli 25 anni. Il monumento ritrae con dolcezza il corpo della donna, in una morte che appare come sonno, e ancora oggi suscita un silenzio di rispetto (“Non svegliamola!”) nelle migliaia di visitatori che ogni anno omaggiano la scultura.

Per concludere in bellezza: c’è stato persino chi ha realizzato una scultura abitabile, per consentire alle persone di dormirci dentro. No, non stiamo scherzando! Si tratta dell’artista Antony Gormley che ha realizzato, presso il Beaumont Hotel di Londra, una gigantesca scultura antropomorfa costituita da blocchi rettangolari che formano la figura di un uomo accovacciato. Al suo interno una vera e propria camera d’albergo, prenotabile al modico prezzo di 2500 sterline a notte. Non proprio alla portata di tutti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code