Covid-19 e sonno: un rapporto complicato

Covid-19 e sonno: un rapporto complicato

Il sonno, si sa, è un toccasana per l’equilibrio psicologico, per la salute e anche per il buon funzionamento del sistema immunitario. In un periodo contraddistinto dall’ansia per il dilagare del Coronavirus, sono in molti coloro che dormono poco e male, avviluppandosi in una spirale senza fine che può portare a conseguenze disastrose per il benessere.

 

Coronavirus e sonno: perché si dorme meno (e male)?

Ecco alcune ragioni che spiegano perché, in tempo di Covid-19 si dorme poco:

  • Mancanza di attività fisica
    muoversi meno significa “scaricare” in misura minore le tensioni, che si “accumulano” e impediscono al corpo di rilassarsi
  • Problemi di convivenza
    restare confinati nello stesso spazio può essere piacevole ma può anche far crescere attriti e sentimenti di negatività, inducendo la mente a “rimuginare” non appena c’è silenzio, per esempio al momento di dormire
  • Alimentazione eccessivamente calorica
    un po’ per la tensione, un po’ per passare il tempo, un po’ per gratificarsi, in questo periodo sono tutti portati a mangiare oltre il necessario (spesso prediligendo cibi non salutari). Capita così che l’appesantimento e la digestione impediscano un buon riposo
  • Orari dei figli
    se le scuole sono chiuse i figli tendono ad alzarsi tardi e ad andare a letto tardi, impedendo ai genitori di vivere una normale vita di coppia; la tensione che ne deriva influisce sulla qualità del sonno
  • Solitudine
    detto della convivenza forzata quale possibile fattore di perturbazione del sonno, il riposo può essere ostacolato anche dall’eccesso di solitudine. Stare lontano dagli amici, dai familiari e da chi si ama, non aiuta di certo a essere sereni e rilassati
  • Ansia
    la cosiddetta “ansia reattiva” è quello stato di eccitazione pessimistica, quell’attivazione dello stato di allerta, quella tensione muscolare, quella “agitazione” cardiaca che impedisce di dormire bene e che si alimenta proprio della scarsa qualità del sonno…

 

Coronavirus e sonno: 4 consigli per dormire meglio

  • Scandire la giornata
    la routine è tranquillizzante. Definire con precisione momenti specifici e fasi della giornata è utilissimo per “controllare” l’ansia e regolare la vita familiare
  • Dedicarsi tempo, ogni giorno
    rimanere tutti i giorni in tuta e ciabatte non è un problema, può essere piacevole e rilassante. È però necessario che ogni giorno si possa trovare tempo per sé: leggere un libro, fare Yoga, coccolarsi… Tutto questo allenta e dissipa le tensioni
  • Fare esercizio fisico
    se le norme impediscono di uscire, ci si può allenare in casa, magari seguendo workout specifici che i vari trainer mettono a disposizione gratuita su YouTube
  • Sentire la voce degli altri
    eh sì perché messaggini e chat aiutano a non perdersi ma la cara vecchia telefonata è decisamente più “calda” e avvolgente. È in grado cioè di dare tranquillità e senso di familiarità, contribuendo a soddisfare quel bisogno di relazioni che è insito in ogni essere umano
  • Mangiare sano
    cibi freschi e naturali, fibre e fermenti lattici aiutano la digestione, l’intestino e il buon umore, seguire una dieta particolare può essere il toccasana ma per non rischiare errori un consulto con il proprio medico è d’obbligo.

Naturalmente, se cuscino e materasso non sono all’altezza…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code