Airyform: sostegno e traspirazione nei punti di appoggio

Airyform: sostegno e traspirazione nei punti di appoggio

Una nuova parola sta facendo capolino, negli ultimi anni, fra i termini più ricercati nel vocabolario del riposo. Airyform è sinonimo di qualità del sonno, a partire dall’esperienza di “respirazione” e freschezza.

 

Far circolare l’aria in materassi e cuscini fra necessità e difficoltà tecniche

Affinché l’aria circoli e dissipi l’umidità che si accumula in materassi e cuscini, regalando sensazioni di freschezza e benessere, è necessario eseguire un trattamento che crei le “infrastrutture” attraverso cui l’aria possa passare. Fori, “bolle” e canali debbono però essere realizzati in modo da non indebolire il sostegno. Si tratta quindi di un equilibrio delicato e difficile da conseguire quando non si ha alle spalle un know how specifico.

 

Airyform: i fori “magici” per far passare l’aria

Airyform è il nome di una particolarissima lavorazione che, attraverso fori calibrati, mantiene il sostegno e veicola l’aria nei cuscini e attraverso le lastre che compongono i materassi. Sono moltissimi i guanciali Magniflex che sfruttano questo tipo di lavorazione. Diverse linee di materassi Magniflex, proprio grazie alla tecnica Airyform, garantiscono un’esperienza di riposo fresca e asciutta.

 

L’importanza della traspirazione di materassi e cuscini

Il corpo, per funzionare, dissipa energia attraverso un processo chiamato “termogenesi“, che in condizioni di riposo è frutto del metabolismo basale. Uno dei meccanismi attraverso cui il corpo produce calore è quello dell’evaporazione, che avviene sfruttando ogni centimetro della pelle. Si comprende bene, allora, come una lavorazione in grado di garantire la dissipazione aerea dell’umidità, sia l’ideale per un materasso e per un cuscino che siano freschi e non producano muffe.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code