Statine e Apnea Notturna

Statine e Apnea Notturna

Avete mai sentito parlare di statine? Probabilmente sì, sono i farmaci che vengono somministrati per abbassare il colesterolo nel sangue perché agiscono sul fegato impedendo la produzione del colesterolo stesso.

A fronte di possibili problemi muscolari, i benefici delle statine non si limiterebbero alla diminuzione del colesterolo, si annotano infatti attività anti-infiammatorie, di stabilizzazione di vasi sanguigni, di diminuzione della pressione.

Secondo alcuni studi le statine potrebbero portare grossi benefici anche a coloro che sono affetti da apnee notturne. Pare che un problema relativo alla proteina CD59 sia alla base dei meccanismi che espongono gli “apneisti” a rischi cardiovascolari. La CD59 si accumula nelle cellule endoteliali, il trattamento con statine impedisce l’accumulo, diminuendo i rischi cardiovascolari. Per poter validare l’ipotesi serviranno ancora ricerche, anche perché i rischi a cui si va incontro con l’uso delle statine paiono essere notevoli.

Insomma, il parere del medico in questi casi non è solo opportuno ma addirittura obbligatorio. Senza ricorrere al medico è però possibile migliorare il proprio stile di vita. Come? Facendo attività fisica quotidiana, mangiando meno, prediligendo cibi semplici e non elaborati, imparando a rilassarsi, curando sé stessi e le cose che ci riguardano. Si tratta di cambiare le proprie abitudini, cosa sempre ardua a realizzarsi. Non dimentichiamo però che a volte piccoli cambiamenti possono innescare meccanismi virtuosi e questo può valere sia per i problemi di colesterolo, sia per le apnee notturne.

In attesa di un via libera alle statine, perdersi il bello della vita solo per non voler affrontare un piccolo cambiamento è davvero un peccato.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*