Ginnastica ipopressiva: addominali perfetti stando a letto

Ginnastica ipopressiva: addominali perfetti stando a letto

Sudore e fatica sono davvero necessari per avere un corpo tonico? Sì, ma.. forse no!

Se l’attività aerobica (quella che fa venire il fiatone) è un vero e proprio toccasana per il metabolismo, il cuore, i polmoni e il diabete, non è assolutamente da trascurare ciò che un lavoro anaerobico può fare. Un esempio? L’esercizio anaerobico permette la costruzione dei muscoli, brucia calorie e aiuta a non ingrassare.

Creata nel lontano 1980 dal dottor Marcel Caufriez, la ginnastica ipopressiva fu inizialmente applicata nella riabilitazione post-partum per trovare, nel corso dei decenni, varie applicazioni legate al mondo del fitness, della prevenzione e della preparazione sportiva.

La tecnica ipopressiva per gli addominali stimola le fibre muscolari di tipo 1, che sono quelle maggiormente presenti nella fascia addominale ma diversamente dai classici “crunch”” (i tradizionali esercizi per gli addominali) non determina un aumento della pressione interna all’addome. Un eccessivo e ripetuto aumento della pressione interna sarebbe all’origine di problemi come incontinenza, perdita di sostegno delle pareti pelviche, diastasi.
 

Come fare gli esercizi addominali ipopressivi?


È possibile lavorare con gli addominali anche da sdraiati, preferibilmente su un tappetino ma – perché no? – anche su un buon materasso. La tecnica di base prevede di inspirare aria, gonfiare il torace svuotando l’addome (che viene come “risucchiato” verso l’interno) e mantenere l’apnea per 10-15 secondi. Per eseguire alla perfezione questi esercizi è sempre bene fare attenzione o consultare un esperto, sia per le controindicazioni (gravidanza, patologie degli organi interni, ipertensione…) sia perché l’efficacia diventa massima solo ed esclusivamente se ogni movimento viene fatto correttamente.
In ogni caso è possibile trovare in rete tutorial di istruttori qualificati che insegnano i rudimenti di questa tecnica “dolce”.
 

I benefici della ginnastica ipopressiva

  • rende più tonici i muscoli addominali
  • riduce il “girovita”
  • previene le ernie
  • regolarizza il respiro
  • tonifica il pavimento pelvico
  • combatte la stitichezza
  • stimola il perineo
  • migliora le funzioni sessuali.

E tutto questo è possibile senza abbandonare il vostro Magniflex, che ne dite? 😉

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*